I “SEGRETI” DI TRUMP DIETRO ALLE ACROBAZIE FISCALI

Non vedo nulla di buono dietro il massiccio taglio delle imposte sulle imprese deciso da Trump la settimana scorsa. Un taglio troppo costoso, che peraltro avviene proprio mentre la Casa Bianca deve preoccuparsi di cercare nuovi mercati di sbocco per i titoli del debito USA. Ecco come me lo spiego… La politica aggressiva di quantitative-easing condotta…

THE MATRIX THAT IMPRISONS US

We are entrapped in a quasi-market, manipulated and hetero-directed by conglomerates and financial institutions whose basic goal is to appropriate resources from the real economy, which are currently the properties of Countries, households, and enterprises (see my article “From development models to mechanisms of misappropriation “). However, who is pulling the strings of this system?…

LA MATRICE CHE CI IMPRIGIONA

Siamo imprigionati all’interno di un quasi-mercato manipolato ed etero-diretto da conglomerate ed istituzioni finanziarie il cui obiettivo di fondo è di appropriarsi di risorse dell’economia reale, attualmente di proprietà degli Stati, delle famiglie e delle imprese (vedi mio articolo “Da modelli di sviluppo a meccanismi di appropriazione”). Ma chi tira le fila di questo sistema?…

E’ SOLO UNA GIOSTRA

  Con tutta probabilità stiamo per assistere ad un avvicendamento al vertice della squadra dei camerieri che servono le grandi lobby finanziarie. Il potere logora, come ricordava un famoso statista italiano e lo sanno bene gli oligarchi che negli ultimi 5 anni hanno fatto avvicendare come in una giostra tre “premier” mai votati direttamente dal…

FACCIAMO IN FRETTA…

Io non lo so se le bombe di ieri sono state piazzate dall’ISIS, da qualche squilibrato o dai servizi segreti e francamente non la ritengo una informazione che mi apporta alcuna utilità. L’attentato sembra a bassa sofisticazione, quindi potenzialmente anche alla portata di uno squilibrato. E allora? Forse cambia qualcosa? No, purtroppo non cambia nulla.…

edificio crollante a causa di esplosioni controllate

LA DEMOLIZIONE CONTROLLATA DEL PIL

Per qualche giorno ho pensato che la recente velina governativa che ha spacciato l’apparente crescita del PIL nel 2015 (+0,8%) come un segnale di inversione di tendenza non meritasse commenti. Invece ho cambiato idea. Siccome un pochino di sano humour pare faccia bene alla salute, mi son chiesto perché non farci quattro risate? Allora, prima…