Alberto Micalizzi: La nostra sovranità scritta sulla costituzione.

Dalla seconda guerra mondiale, Italia esce sconfitta ma non saranno quelle macerie a fermarla, è ancora ferita quando inizia a scrivere la sua Costituzione, ma ha una visione straordinaria, vuole un sistema economico in funzione dell’uomo e la società, non viceversa.

Nel suo primo articolo, non fu inserita la parola “pace” o “libertà”, parole usate spesso in modo innapropriato, inserisce invece una parola che non lascia alcun dubbio, quella parola è “sovranità”.

Dunque, non si consente altra cessione di sovranità, non la sovranità nazionale nè popolare, non quella monetaria, non quella economica né di altro genere.

Ma è soprattutto in materia di moneta e credito che la Costituzione italiana parla chiaro, ergendosi a paladina della Sovranità. Infatti, all’Articolo 47 afferma due principi cardini:

“La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito.”

“Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.“

Ecco perchè è inaccettabile perdere sovranità in cambio di che cosa?

Alberto Micalizzi

images

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...